ven 18 giu | Crema

CREMA CURIOSA

Storia di donne, madonne, santi e cavalieri. Sulla strada della ricerca e della riscoperta dei valori, della storia, delle tradizioni, della cultura e delle espressioni artistiche caratterizzanti la nostra comunità.
La registrazione è stata chiusa
CREMA CURIOSA

Orario & Sede

18 giu, 19:00 – 27 giu, 19:00
Crema, Piazza Trento e Trieste, 6, 26013 Crema CR, Italia

L'evento

Si raccontano ancora le radici della nostra cultura e delle nostre tradizioni attraverso le opere d’arte ed i manufatti provenienti da diverse collezioni e raccontando insieme ad esse le storie, descrivendo i personaggi, documentando i momenti importanti della vita della nostra città e del nostro territorio.

Il filo conduttore che unirà le immagini e le storie la traccia ideale che seguiremo per rappresentare i risultati della nostra ricerca sarà una ipotetica passeggiata con cui condurremo il visitatore tra le vie della città e dei paesi del circondario.

Ogni via è intestata a fatti o a personaggi, in ogni strada possiamo trovare palazzi, chiese, santelle, immagini che ci raccontano un pezzo della nostra storia.

Seguendo un percorso ideale tra queste vie e questi borghi ricostruiamo e riportiamo alla memoria episodi e momenti che sono entrati nella nostra cultura e nelle nostre tradizioni, ma che, spesso, non sono più nella memoria delle nuove generazioni.

L’obiettivo di quella mostra/ricerca era quello di recuperare alla storia ed alla memoria dei cittadini un’epoca che ha fortemente inciso sulle tradizione e sulla cultura del nostro territorio : quella della appartenenza del cremasco al territorio della Repubblica Veneta, che ebbe una durata di ben 350 anni, dal 1449 al trattato di Campoformio (1797).

Una ricerca di livello altamente scientifico, anche grazie alla collaborazione dei migliori esperti di storia locale e, più in generale, di storia della Repubblica Veneta, e grazie anche alla stretta collaborazione con la Fondazione Cini, di Venezia, Fondazione che, in continuità con il lavoro svolto, darà ancora il suo contributo scientifico, storico e culturale.

Visita solo su prenotazione: tel. 0373 85418 (da lunedì a venerdì dalle 17 alle 19); info@teatrosandomenico.com

Condividi questo evento